SNOWDEN

SNOWDEN

Articolo in italiano
di Sonia Becattini

Snowden è un film del 2016 scritto da Oliver Store e Kieran Fitzgerald e diretto da Oliver Stone, con protagonista Joseph Gordon-Levitt nei panni di Edward Snowden, un giovane e geniale tecnico informatico ex dipendente della CIA responsabile della rivelazione di informazioni segrete governative su programmi di intelligence, tra cui il programma di intercettazioni telefoniche e telematiche. Con la scusa di combattere il terrorismo viene messo in atto un programma  per far sì che gli Stati Uniti abbiano il controllo economico e sociale dell’intero pianeta.
Il film è un genere biografico/drammatico/thriller, basato sui libri The Snowden Files di Luke Harding e Time of the Octopus di Anatoly Kucherena.

Nell’anno 2013 Edward Snowden va a un incontro segreto con la documentarista Laura Poitras e Glenn Greenwald, del quotidiano inglese The Guardian, a cui svela dell’esistenza di programmi segreti di sorveglianza che permettono al governo statunitense di controllare in modo prepotentemente invasivo e contrario al diritto della privacy, chiunque sia sul territorio americano che internazionale. Informazioni e fatti sconvolgenti, qualcosa che va oltre ogni confine e rapporti tra potenze.

Il film racconta come Snowden arriva agli uffici della CIA e il suo percorso formativo e professionale all’interno di essa, fino a quando arriva a non sopportare più questi abusi di potere e inizia a studiare un modo per far uscire queste informazioni fuori dagli uffici che sono ovviamente controllatissimi. Una volta raggiunte e diffuse le informazioni dalla stampa, viene condannato dalla giustizia del suo paese come spia e traditore e pertanto costretto a scappare e va in Russia dove vive tutt’ora. Al contrario invece, agli occhi di una vasta opinione pubblica mondiale è considerato un paladino per aver fatto una denuncia senza precedenti in difesa della libertà.

Snowden è una figura molto controversa, un traditore dello stato ma spinto a tradire da principi eticamente corretti.

Oliver Strone invece non tradisce, un buon film, Joseph Gordon-Levitt diretto bene,  una storia avvincente con un ritmo che ti tiene lì attaccato allo schermo, visivamente spettacolare e ben documentato.

Buona visione!


Un po di informazioni
La documentarista Laura Poitras che lo intervistò nel 2013, vinse il premio Oscar 2015 per il migliore documentario con Citizenfour.

Il vero Edward Snowden appare nei panni di sé stesso nelle scene finali del film e nelle scene durante i titoli di coda.

Il musicista britannico Peter Gabriel ha composto il brano The Veil esplicitamente per il film; Edward Snowden partecipa al videoclip in un cameo.

Il film è stato presentato il 9 settembre 2016 al Toronto International Film Festival.

Riconoscimenti
2017 – Satellite Award
Miglior sceneggiatura non originale a Oliver Stone e Kieran Fitzgerald
Candidatura per il miglior attore a Joseph Gordon-Levitt

2016 – la rivistaVariety lo considera tra i Migliori dieci film dell’anno.

Condividi sui social