Che film guardo stasera? / What film am i watching tonight? Fratello, dove sei?

Che film guardo stasera? / What film am i watching tonight? Fratello, dove sei?

Articolo in italiano / di Sonia Becattini /

Fratello, dove sei? dal titolo originale O Brother, Where Art Thou? è un film del 2000 scritto, diretto e prodotto dai fratelli Coen, liberamente tratto dall’Odissea di Omero. E’ un film che ha compiuto già 20 anni e fa parte di quei film di culto da vedere e rivedere.

Il film è ambientato in un arido Mississippi, negli anni ’30, durante la fine della Grande Depressione. I protagonisti, tre galeotti ai lavori forzati, lì per reati di minore gravità, interpretati magnificamente da Clooney,  Nelson e Turturro, riescono ad evadere dal carcere con lo scopo di recuperare una refurtiva di un colpo fatto molti anni prima. Ma questo è solo l’inizio, perché durante questa fuga,  si imbattono in una serie di personaggi e avventure al quanto folli, scritte e dirette in modo intelligente e divertente che ci ricordano diversi passaggi dell’Odissea di Omero, ambientata e rivista in epoca e luoghi diversi e in un modo davvero spassoso. E’ un film fatto benissimo, in cui ogni professionalità coinvolta fa stupendamente la propria parte. E’ ricco di metafore e citazioni tra passato e presente, da scoprire e interpretare.
Buona visione!

Curiosità:
Pare che George Clooney era così ansioso di lavorare con i fratelli Coen che ha accettato il ruolo senza leggere la sceneggiatura.

Il titolo del film è un riferimento di un film del 1941 dal titolo Sullivan’s Travel, dove il protagonista (un regista) voleva girare un film sulla grande depressione intitolato O Brother, Where Art Thou? e decide così di compiere un viaggio per comprendere la sofferenza dell’uomo comune.

Un’importante caratteristica tecnica che caratterizza il film è l’utilizzo del color seppia. Il direttore della fotografia Roger Deakins disse: “Ethan e Joel preferirono utilizzare una vecchia e polverosa Delta per le scene dei tramonti. Volevano che sembrasse una vecchia immagine dipinta a mano con l’intensità dei colori dettata dalla scena, e dei colori naturali per la pelle dei personaggi che avessero tutte le sfumature possibili.”
Il risultato ottenuto è stato un processo di otto settimane di lavorazione per trovare il miglior bilanciamento di colore, desaturando la quantità di verde e inserendo filtri digitali. Questo è stato il primo film ad essere completamente corretto nei colori da un montaggio digitale conferendo a Deakins una nomination all’Oscar e al premio ASC Outstanding Achievement Award.

La colonna sonora del film è composta da brani tradizionali statunitensi. Il disco prodotto da T Bone Burnett, utilizza diversi generi musicali come bluegrass, country, gospel, blues, musica popolare con l’eccezione di alcuni brani di fine anni ’20. Il disco è stato premiato ai Grammy Awards 2002 nella categoria album dell’anno.

Premi
2001 – Golden Globe
Miglior attore in un film commedia o musicale a George Clooney

Condividi sui social